MUSEO ARCHEOLOGICO DI SANTA SCOLASTICA   

MUSEO ARCHEOLOGICO DI SANTA SCOLASTICA   

Istituito dalla Deputazione Provinciale nel 1875, il Museo Archeologico nacque con un piccolo nucleo di reperti raccolti dal prof. Nitto De Rossi nell’Istituto Tecnico di Bari.

Il Museo fu aperto al pubblico nel 1890 nella sede del palazzo Ateneo dove è rimasto sino all’anno 2000, qui la Commissione di Archeologia e Storia Patria si adoperò ad accrescere il patrimonio attraverso lasciti, donazioni e acquisti. Si devono a Maximilian Mayer, direttore del Museo dal 1894 e a Michele Gervasio direttore dal 1909, i meriti della compilazione dell’inventario, di studi specialistici e della realizzazione di importanti campagne di scavo.

Nei primi anni del ‘900 il patrimonio archeologico fu incrementato da cospicui acquisti quali, citandone solo alcuni tra i più importanti, i reperti canosini della tomba Varrese, la collezione Polese comprendente oltre 2000 oggetti, il monetiere Maselli.

Nel 1957 l’Amministrazione Provinciale affidava all’Amministrazione dello Stato la gestione del Museo, dove la Soprintendenza delle Antichità della Puglia e del Materano, avrebbe dovuto raccogliere  tutti i reperti provenienti dagli scavi effettuati in provincia di Bari. Risalgono al 1957 e al 1958 le importanti campagne di scavo a Monte Sannace e a Conversano. Tra la fine degli anni ’70 e la fine degli anni ’80 il Museo si arricchisce di nuovi importanti reperti con  gli scavi a Monte Sannace, Acquaviva delle Fonti, Canosa, Rutigliano, Conversano, Turi.

La collezione archeologica, ampia e diversificata, consta delle seguenti sezioni per un totale complessivo di oltre 30.000 reperti:

–       materiale preistorico comprendente strumenti litici, ceramica impressa;

–       ceramica indigena geometrica dauna, peuceta e messapica;

–       ceramica apula di derivazione greca a vernice nera, sovradipinta, a figure rosse e dello stile di Gnathia;

–       ceramica greca, corinzia e attica;

–       terrecotte figurate e architettoniche;

–       sculture in pietra;

–       bronzi comprendenti vasi, armi, armature, utensili;

–       oreficerie;

–       epigrafi greche e latine;

–       monete greche, romane, bizantine, medievali e moderne;

–       gemme incise;

–       oggetti di osso e di avorio;

–       vetri e ambre.

Dal 1994 al 2000 la sede storica del Museo chiude al pubblico per lavori di adeguamento. Nel 2001 la Provincia chiude la convenzione del 1957, riassume direttamente la gestione del Museo Archeologico Provinciale e trasferisce le raccolte nel complesso di Santa Scolastica, nel cuore della città vecchia. Il concorso internazionale di progettazione bandito nel 2007, ha prodotto il progetto di restauro e di rifunzionalizzazione del complesso architettonico in chiave museale.

Oggi il Museo dispone di depositi riordinati nei quali è stata operata la ricomposizione dei nuclei originari dei reperti.

E’ disponibile un database elettronico per la consultazione delle schede inventariali comprensive di testi e immagini per ogni oggetto.

Attualmente la sedi operative del Museo sono il complesso di Santa Scolastica in via Venezia e la Biblioteca Santa Teresa dei Maschi – de Gemmis in strada Lamberti, 3.

Per consultare il database su appuntamento e per informazioni telefonare ai seguenti numeri: 080.5412596 E-mail museoarcheologico@provincia.ba.it.


Recital Poesie: “Bosone Raffaelli 2021”

Recital poesie Recital Poesie: “Bosone Raffaelli 2021”.Presso la Biblioteca Comunale “Sperelliana”, complesso San Pietro Patrocinio comune di Gubbio, dell’UNICEF, dell’Associazione “Amici dell’Umbria”, delle Cementerie COLACEM, delle Cementerie Barbetti, dell’Associazione “Maggio Eugubino”.La premiazione del Recital Novello Bosone sarà Domenica 17 ottobre 2021 presso il refettorio della biblioteca sperelliana durante la mattinata. Con piacere ho partecipato con … Continua a leggere Recital Poesie: “Bosone Raffaelli 2021”

Vota:

CURIOSITÀ: LA SANTA PROTETTRICE DEI GATTI

La storia di Santa Gertrude Santa Gertrude di Nivelles, questo il nome completo con cui è conosciuta, è vissuta nel 600 d.C nel Regno dei Franchi. La madre, Itta, fondò il monastero di cui Gertrude sarebbe poi diventata badessa. È stata una figura dedita alla diffusione della cultura, nonché ovviamente all’evangelizzazione delle sue terre. Perché è la … Continua a leggere CURIOSITÀ: LA SANTA PROTETTRICE DEI GATTI

Vota:

IL BUONGIORNO : GROUND ZERO IL RICORDO di Crescenza Caradonna

Ground ZeroIL RICORDO di Crescenza Caradonna Ground Zero è il simbolo di rinascita proprio lì dove tutto si fermò, dove tutto sembrava dovesse finire, dove tutto invece  è rincominciato, senza dimenticare i successivi momenti al crollo delle Twin Towers, quando un’aereo si schiantò sul Pentagono a Washington in concomitanza con quello precipitato in un campo della Pennsylvania prima … Continua a leggere IL BUONGIORNO : GROUND ZERO IL RICORDO di Crescenza Caradonna

Vota:

LA STORIA DI AMAL

LA STORIA DI AMAL Una bambina piccola intraprende un GRANDE viaggio La Piccola Amal è la marionetta gigante protagonista de Il Cammino e percorrerà 8.000 km per sostenere i rifugiati. Nel 2021 quest’opera d’arte vivente alta 3 metri e mezzo, che rappresenta una bambina siriana rifugiata, attraverserà a piedi la Turchia, la Grecia, l’Italia, la … Continua a leggere LA STORIA DI AMAL

Vota:

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.