Nu mestère/Un mistero poesia di Rosaria Zonno- articolo di Cresy Caradonna

Poesia partecipante all’evento poetico on-line SU FB:
“Mamma mi leggi una poesia”
organizzato da Cresy Caradonna
e
Puglia d’amare Quotidiano d’informazione

Nu mestère

Iève bèlle addavère chèdda fìgghie, aqquanne nascì
nu bocciùle de rose, nu regale che la sorte ‘nge facì.
E ‘nge avèva dà nu nome a la pecceuèdde.
La nonne, ca se chiamàve Prudènze, quanne la nepòte nascì
“Se avà chiamà come a mè” decì.
E la pecceuèdde Prudènze se chiamò
ma cusse nome nesciùna fertùne ‘nge pertò.
Mane a mane crescève,
la uagnèdde sèmbe chiù ‘mbambeuscève.
La cape parève ca la tenève sope a la lune
la mamme ‘nge decève.”Prudènze, non d’adènze a nesciùne”.
Prudènze no capescève,
le conzìghie de la mamme non sendève.
Na dì, aqquànne chiù granne arrevò,
a la scole la mamme la mannò,
Prudènze n’è ca stediàve e la maièstre la bocciò.
Po’…aqquànne cammenàve, parève na sbandàte
e ce parlàve, parève ca chiangève
e ce chiangève, parève ca redève.
La mamme non sapève come ièra fà, se preoccupò.
Na bèlla di, avì n’idè e adacchessì penzò.
“A chèssa fìgghia mè, u nome Prudènze non ‘nge porte fertùne
non ‘nge sta na cose, ca la fasce drètte, nemmànghe iùne.
Acchiedì l’ècchie, da chiange ‘nge menì
se vedì la facce de la fìgghie la di ca nascì
aqquànne come a na rose se la vedì.
“Da iosce la ià chiamà Rosètte, ià vedè
ce la cape la cange, chèssa fìgghia mè”.
E la uagnèdde da chèdda di, non fu chiù la stèsse, cangiò
da quanne la mamme, Rosètte la chiamò.
Nu mestère…parì nu mestère, ma la vite chendenuò
e nesciùne chiù, ‘nge penzò.
Ce u sape, pote ièsse ca u nome, ascònne mestère,
avà ièsse adatte a la facce ca tenìme…si…iè probie vère !!

(traduzione il lingua italiana)

Un mistero

Era davvero bella quella figlia quando nacque
un bocciolo di rosa, un regalo che la sorte le fece.
E le doveva dare un nome alla bambina.
La nonna, che comandava in quella casa ancora lei
e che si chiamava Prudenza, quando la nipote nacque
“Si deve chiamare come me” disse.
E la bambina Prudenza si chiamò
ma questo nome nessuna fortuna le portò.
Mano a mano cresceva,
la ragazza sempre più rimbambiva,
la testa sembrava averla sulla luna
la mamma le diceva:”Prudenza, non dare retta a nessuno.
Prudenza non capiva
i consigli della mamma non ascoltava.
Un giorno, quando più grande diventò,
a scuola la mamma la mandò
Prudenza non studiava e la maestra la bocciò.
Poi, quando camminava sembrava una sbandata
e se parlava, parlava da sciocca
se rideva sembrava che piangeva
se piangeva, sembrava che rideva.
La mamma non sapeva come fare, si preoccupò.
Un bel giorno, ebbe un’idea e così pensò.
“A questa figlia mia, forse il nome Prudenza non le porta fortuna
non c’è cosa che la fa giusta, almeno una”.
Chiuse gli occhi, le venne da piangere
rivide il viso della figlia quando nacque
quando come una rosa le sembrò.
“Da oggi, la chiamerò Rosetta, devo vedere
se cambia la sua testa, questa figlia mia”.
E la ragazza da quel giorno, non fu più la stessa, cambiò,
da quando la mamma, Rosetta la chiamò.
Un mistero, sembrò un mistero, ma la vita continuò
e nessuno più ci pensò.
Chi lo sa, può essere che il nome che portiamo,
nasconde misteri,
Deve essere adatto al volto che abbiamo…si…è proprio vero !!



Rosaria Zonno
di Cresy Caradonna

Poetessa dalle mille sfaccettature è un’artista che si cimenta con molta bravura nella composizione nonchè recita delle sue poesie in dialetto barese.
Versatile come poche, riversa tutto il suo amore per la città di Bari nelle sue liriche che rispecchiano le tradizioni della sua terra nativa
.
Fotografa dilettante, riesce a fermare nei suoi click le più belle vedute di paesaggi o scorci pugliesi con occhio sensibile .

Amica da lungo tempo, conosciuta in vari eventi letterari e contest pubblici, Rosaria Zonno la posso definire l’amica ideale: sincera e schietta come poche ma nello stesso tempo sensibile e eterea come tutte le artiste sanno esserlo ma nella giusta misura, sempre pronta alla battuta insomma “l’amica ideale”.

Cresy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.