Motopeschereccio Francesco padre: una ferita ancora aperta 25 anni dopo la tragedia

Comunicato stampa

Motopeschereccio Francesco padre: una ferita ancora aperta 25 anni dopo la tragedia

Il prossimo 4 novembre sono 25 anni. E’ passato un quarto di secolo da quando, il 4 novembre 1994, il motopeschereccio Francesco padre esplose al largo delle coste del Montenegro con tutto il suo carico umano. Quella notte persero la vita Giovanni Pansini, Saverio Gadaleta, Luigi De Giglio, Francesco Zaza e Mario De Nicolo.

Per ricordarli la sera del 4 novembre, in chiesa, proprio come avviene da 25 anni, si riuniranno i loro parenti ma anche i colleghi pescatori, i rappresentanti delle associazioni dei pescatori, il sindaco, Tommaso Minervini, autorità civili e militari. La cerimonia religiosa si terrà, alle 18.30, nel Duomo. Al termine della funzione, dopo un breve corteo, alcuni pescherecci e una motovedetta della Capitaneria di porto lanceranno una corona nello specchio acqueo del porto.

«Saremo in chiesa accanto ai parenti delle vittime di una tragedia che – sottolinea il sindaco Tommaso Minervini – ha profondamente segnato l’intera comunità e che nessuno ha mai dimenticato nella piena consapevolezza che non si è riusciti a fare tutto e che le profondità del mare saranno per sempre l’ultimo rifugio per i resti umani dei componenti dell’equipaggio del Francesco padre e della loro mascotte, il cane Leone». Le cause dell’esplosione del Francesco padre sono state chiarite solo nel 2014. Quando, a conclusione della quarta inchiesta, la Procura di Trani, demolendo tutte le altre ipotesi investigative, ritenute infondate, giunge alla conclusione che “per un tragico errore il motopesca di Molfetta sia stato affondato dalle forze Nato perché scambiato per uno di quei natanti utilizzati in funzione antisommergibile”. Nessuna collaborazione dalle forze Nato che non hanno mai risposto alle rogatorie internazionali non consentendo, nei fatti, alla Procura di procedere con eventuali richieste di rinvio a giudizio. «Ma noi, la Comunità molfettese, la Comunità marinara – conclude il sindaco Minervini – rispondiamo con accorata partecipazione all’onore, alla fatica ed al ricordo di quegli uomini, vicini ai familiari e alla gente di mare».

Un pensiero su “Motopeschereccio Francesco padre: una ferita ancora aperta 25 anni dopo la tragedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.