08 Novembre 2019, sono passati ben 77 anni dopo quello stramaledetto 08 novembre 1942, data nella quale un altro Eroe Brindisino ha perso la sua Vita: Antonio Caravaggio


08 Novembre 2019, sono passati ben 77 anni dopo quello stramaledetto 08 novembre 1942, data nella quale un altro Eroe Brindisino ha perso la sua Vita: Antonio Caravaggio

Nato in via Cesare Braico il 24 Aprile del 1918 dal padre Pietro (lavoratore della SACA, proveniente dagli Abruzzi e Molise) e da Esterina Antonucci; successivamente al Diploma di Ragioniere (Istituto Tecnico Commerciale di BR), entra nella Regia Accademia della Regia Arma Aeronautica.                                
Terminate le annualità di Accademia, consegue il Brevetto di Pilota Militare della Regia Aeronautica Italiana con il Grado di Sotto Tenente, Ufficiale Pilota in Servizio Permanente Effettivo, Ruolo Naviganti, inoltre con specialità di Ricognitore Fotografico e Collaudatore anche di Paracaduti.                                                           
A Venezia conosce la giovinetta Palmina Meo, se ne innamora al punto da farla diventare sua Moglie.                                     
Dopo aver “girato” varie Basi Aeree e Territori della nostra bella Italia, da Roma, Napoli, Caserta, al nord, di Varese, Lonate Pozzolo, Novara, Cameri, a Ghedi, Torino, etc., e poi ancora al Sud ed alla Trinacria da Catania, Palermo, Trapani, Vittoria, etc., a Taranto, Palagianello, Brindisi, Ostuni, etc. –                                                   
Con i “suoi” aerei CR 32, CR42, Ba65, BR20, S.81, S79, Macchi 200, Breda 88, Stukas JUnker 87, etc.                                                                                                                                               
Ha partecipato a varie “Campagne di Guerra” : dalla Spagna (Aviazione Legionaria), alla Jugoslavia, all’Albania, al Mediterraneo (Francia, Grecia, Malta), per poi terminare la Sua Giovane Vita in Africa Settentrionale, dove ha combattuto in Egitto ed in Libia (Cirenaica), ultimo Aeroporto Italiano di “El Adem” a Tobruk nel Golfo di Sollum.                                                                                                                                                         I Reparti dove ha prestato Servizio sono: (1939) 65^ Squadriglia d’Assalto, (MI FANNO UN BAFFO) e (CICOGNE Incazzate), 208^ Squadra di Tuffatori da Bombardamento, 5° Stormo Caccia Bombardieri (PICCHIATELLI), 101° Gruppo (al Comando del Maggiore Carlo RIZZI).                                                 
Nella sua pur breve Carriera e Vita, rivestendo il Grado di Sotto Tenente, con la promozione a Tenente              -pieno-, (grado non potuto rivestire perché deceduto), ha raggiunto comunque gli Onori di svolgere le attribuzioni di Capo Squadriglia e Aiutante di Volo del Comandante, guadagnando le Decorazioni al Valor Militare ed infine anche alla Memoria: ben una Medaglia d’Argento, tre Medaglie di Bronzo ed una Croce di Guerra al Merito, oltre ad un Paracadutino in oro quale Spilla d’Onore (quest’ultima per essersi fratturato una gamba nel fiume Po a Torino in occasione di un lancio quale Collaudatore anche di paracaduti).             

Si sacrificò per i grandi ideali della Patria!  “

                                                                                                                                                                                                                        
A seguito di una missione (volontaria?!?) per dar tempo ai colleghi e superiori di potersi difendere, viene colpito a morte da un mitragliamento aereo da parte delle preponderanti  forze  nemiche e – completamente ustionato e bruciato – perisce  (sembra) in un ospedale locale (meno di una infermeria) a Tobruk c/o “El Adem” Aeroporto Italiano ultimo nel Golfo di Sollum!                                                                                                                                                    

Dolcissimo sogno!

   «… morire sì, ma morire liberi, non bruciati; dormire per sempre sotto una zolla fresca ed una pia Croce.
Morire, ma dopo aver rivisto i familiari, abbracciati i figli, la sposa, nel proprio casolare,
in mezzo alle cose che ci furono care perché essenza della nostra vita
e riposare nel piccolo cimitero dove dormono l’eterno sonno gli avi e gli amici… »

                                                                                                                                                                                                               
Da quella maledetta data indicata nell’08 Novembre 1942 (presunta), le Sue Spoglie sono sempre rimaste dove erano state sepolte, in Libia a Tripoli nel Sacrario Militare Italiano.                                                                                                     
Ciò perché, nonostante le richieste della sposa (anche per conto del figlio) alle Autorità dello Stato Italiano (divenuto nel frattempo Repubblica), le risposte sono state sempre negative perché “l‘operazione” –a loro asserire- sarebbe stata troppo costosa ed onerosa per lo Stato Italiano, progetto fattibile solo tramite fondi privati ad esclusivo carico proprio (sic!) negando così la possibilità ai Suoi cari di poter piangere e dire una preghiera sulla Sua Tomba, e quella di poter portare un fiore per ben settantasette anni!                                                                                                            
Quelle stesse autorità statali governative che le hanno negato la “Pensione Ordinaria di Guerra” in quanto il Marito, Ufficiale Defunto, data la giovane età, non aveva ancora raggiunto il “minimo di anni di servizio” (gulp)!                              
Poi, in una data recente ma non comunicata neppure ai congiunti e/o parenti (senza conoscerne neppure quali siano le cause), la Salma è stata fatta rientrare sul suolo del territorio italiano ed è stata tumulata in quel di Bari nel Sacrario Militare Caduti d’OLTREMARE .                                                                                                                                  
(oltretutto con il nominativo non del tutto corretto: Antonino al posto di Antonio per quanti Lo vorranno Onorare).

Esposto tutto quanto sopra, sembra logico oggi chiedere alla Sua Città natale di BRINDISI un minimo di  RICORDO, STIMA e RISPETTO, tramite la pubblicazione di questo ‘REMEMBER’ in attesa e speranza di un <“MEMORIAL”> delle istituzioni cittadine preposte, per maggiori ONORI e RICONOSCENZA da parte dell’intera cittadinanza .

Le motivazioni di alcune Sue Decorazioni sono:                                                                                          
(Croce di Guerra al Merito)
<<Per atterraggio fuori campo con aereo colpito e danneggiato in un’Azione di Ricognizione Fotografica sul territorio nemico>> ;
 (1^ Medaglia di Bronzo – Cielo della Francia, della Grecia e della Jugoslavia, giugno 1940 XVIII-aprile 1941 XIX.)
<<Pilota da bombardamento in picchiata, capo pattuglia arditissimo, conduceva la propria formazione all’attacco a volo radente ed in mitragliamenti di muniti apprestamenti nemici con sereno sprezzo della violenta reazione contraerea che più volte colpiva il suo apparecchio.                                                                                                                                                              In un ardito attacco ad un aeroporto, effettuato lo sgancio a tuffo, malgrado l’intensa reazione, permaneva sull’obiettivo sino al termine delle munizioni, contribuendo efficacemente alla distruzione di alcune rimesse di aerei e di apparecchi ad suolo>>;                                                                                                                                                                 
(Altra Medaglia di Bronzo – Cielo del Mediterraneo, luglio – novembre 1941)
<<Con apparecchio da bombardamento in picchiata, effettuava ardite azioni  notturne di bombardamento a tuffo su munita base nemica, incurante della violentissima reazione nemica contraerea, dell’attacco di caccia nemici, dell’azione abbagliante dei riflettori. In un attacco su formazione navale, pur essendo in precarie condizioni di volo, dato il cattivo funzionamento di  un comando, sfidando la violenta reazione contraerea, effettuava il tuffo con sgancio a bassissima quota, contribuendo efficacemente all’affondamento di una nave di grosso tonnellaggio ed al danneggiamento di un incrociatore corazzato>>  ;                                                                                                                                                                      
(Medaglia d’Argento – Cielo dell’Egitto, 1° luglio – 8 novembre 1942).
<<Provato e capace Pilota, si distingueva per coraggio ed ardimento in un nuovo ciclo operativo portando la sua precisa offesa, con volo a tuffo, su munite basi nemiche.                                                                                                                                                                                              
Nel corso di una violenta battaglia, nel tentativo di condurre a termine una missione, veniva colpito a morte da mitragliamento aereo.>>    

di Piero Caravaggio

2 pensieri su “08 Novembre 2019, sono passati ben 77 anni dopo quello stramaledetto 08 novembre 1942, data nella quale un altro Eroe Brindisino ha perso la sua Vita: Antonio Caravaggio

  1. Carissima Cresy, volevo copiarmi sul mio PC il post per poi riversarlo sullo smartphone ma non mi è stato possibile xkè qualche … ha bloccato il sito:
    Che cosa ci sia di “offensivo” non lo so prorprio !!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.